Quando si pensa al vino in scatola, è inevitabile non pensare a tutti i pregiudizi e cliché che lo circondano. Spesso sinonimo di prodotto scadente e di seconda scelta, il vino in scatola continua ad essere guardato con scetticismo. Ma il settore del packaging ha fatto passi da gigante in materia di innovazione.

Vino Bag in Box

Dopo la riforma del settore vitivinicolo dell’agosto 2009, l’UE ha concesso l’imbottigliamento in scatola dei vini varietali premium. Tuttavia, il formato bag in box non è stato ancora accettato su scala internazionale. Mentre i paesi scandinavi hanno abbracciato questo packaging speciale fin dall’inizio, il resto del mondo gli sta dando solo ora lentamente il riconoscimento che merita.

Il packaging non si rivolge solo ai millennial, aperti ad altri formati di packaging innovativi oltre al BIB, come i vini in lattina. I vini in scatola iniziano a riscuotere consensi anche presso gli intenditori di vino, che ammettono che mantengono inalterato il loro gusto. Ciò suggerisce che le abitudini e le percezioni dei consumatori potrebbero cambiare in un futuro molto vicino.

Come funziona il sistema Bag in Box?

Sebbene a molti questo termine possa risuonare nuovo, questo metodo risale in realtà al 1955, quando fu inventato per garantire il trasporto sicuro e l’erogazione dell’acido delle batterie. Ma questa innovazione nel campo degli imballaggi avrebbe rivoluzionato anche il settore vinicolo.

Il vino viene disposto in una robusta camera d’aria (o sacchetto, detto bag), solitamente realizzata in polietilene o alluminio, alloggiata all’interno di una scatola di cartone ondulato (la cosiddetta box). Per permettere la fuoriuscita del vino, la sacca è a sua volta collegata ad un rubinetto azionato dall’esterno della scatola in grado di emettere una quantità di bevanda determinata individualmente dal consumatore. Quando la busta si svuota, si contrae impendendo il contatto del vino con l’ossigeno. I bag in box convenzionali sono quadrati; tuttavia sono disponibili anche forme cilindriche, note come bag in tubes. Vengono generalmente vendute con una capacità compresa tra tre e dieci litri.

I vantaggi del vino in scatola

I vini bag in box sono particolarmente utili quando si tratta di picnic estivi e feste in giardino. Pesano meno delle bottiglie di vetro, non si rompono e possono essere sigillati in qualsiasi momento. La portabilità è dunque un primo punto di forza.

Forse il vantaggio più interessante per il consumatore medio, tuttavia, è il prezzo. Poiché cartone e plastica sono più leggeri del vetro e i volumi per unità sono maggiori, i costi di imballaggio e trasporto sono ridotti. Inoltre, è riciclabile e persino riutilizzabile e il vino si mantiene fresco a lungo, anche una volta aperto. Si dice che l’esperienza del gusto sia identica ai vini in bottiglia. La busta, infatti, protegge i vini dalla luce e dall’ossigeno garantendo una qualità costante.

Tuttavia, il sistema ha un aspetto negativo. Anche se il vino non aperto viene conservato in cantina per anni, non maturerà ulteriormente. Ciò rende i vini in scatola ideali per il consumo immediato, ma non per un ulteriore invecchiamento. Grazie al design intelligente, tuttavia, sono molto efficaci nel trattenere la freschezza più a lungo di una bottiglia aperta. Questo è particolarmente utile per coloro che vogliono solo il bicchiere occasionale.

Oltre a Francia, Germania, Sud Africa e Australia, l’Italia è attualmente uno dei maggiori esportatori di vini bag in box. Una delle aziende più fornite per la vendita di vino in scatola è DiVino Sfuso, specializzato nella vendita di vino sfuso che ha cominciato a commercializzare nel formato del bag in box dal 2007. Nel loro shop online www.divinosfuso.it troverete tantissime etichette corredate da informazioni riguardanti il prodotto, per assicurare sempre la massima trasparenza.

Anche se il vino in scatola non ha lo stesso appeal visivo o romantico di una bottiglia di vino tradizionale, questo formato affrontano e risolve alcune delle questioni ecologiche, finanziarie e qualitative riguardanti il vino. La crescita nella fascia premium non farà che aumentare l’appeal e incoraggerà produttori e rivenditori ad abbracciare questa nuova scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *